Il Gazzetta Sports Awards va quest’anno a ben due atleti, nella categoria ‘Atleta Paralimpico‘: a Oney Tapia e Bebe Vio. Questi i meriti agonistici dell’italo-cubano Tapia, trapiantato a Bergamo: “Nel 2018, a maggio a Chiuro, stabilisce il primato mondiale nel lancio del disco fra i non vedenti con 44.65 m. Il 23 agosto, agli Europei di Berlino, vince due titoli: nel lancio del disco con 46,07 m, che gli vale il nuovo record mondiale, e nel getto del peso con 12,48 m”.

Questa, invece la motivazione del premio a Bebe Vio; “Quest’anno, a Terni, Bebe Vio vince gli Europei nel fioretto femminile individuale, categoria B: è il terzo oro continentale dopo le vittorie nel 2014 e nel 2016. Netta la supremazia della 21enne veneta che in finale batte 15-1 la russa Mishurova. Oro anche a squadre con Loredana Trigilia ed Andreea Mogos: Russia sconfitta 45-32. Leader incontrastata del circuito, Bebe mantiene l’imbattibilità dal 14 luglio 2016, dalla prova di Coppa del Mondo a Varsavia. Ha collezionato 18 vittorie in carriera, 12 successi dalle Paralimpiadi di Rio 2016, vincendo 3 titoli europei individuali consecutivi, 2 mondiali consecutivi e l’oro a Rio 2016”.

In corsa c’era anche un’altra atleta lombarda, la nuotatrice cremonese Maria Bresciani.