Luca Pancalli - Presidente del CIP
“Cari amici,

è con grande piacere che vi do il benvenuto su questa che considero la nostra finestra su Expo Milano 2015.  Una vetrina privilegiata che possa dare spazio a tutti quei progetti che, da oggi, intendiamo realizzare, nella consapevolezza che ci attendono sei mesi di grande lavoro, grandi obiettivi e grandi sfide da affrontare, il tutto da vivere con la certezza che lo faremo con lo spirito e l’entusiasmo che, da sempre, contraddistinguono il nostro movimento”.

“Siamo lusingati e onorati di poter legare il nostro nome ad un evento che coinvolge milioni di visitatori da tutto il mondo e che si propone di valorizzare le eccellenze del nostro Paese in ambito culturale, scientifico, artistico, turistico ed economico”.

“Il Protocollo d’Intesa che il Comitato Italiano Paralimpico ha siglato con Expo Milano 2015 si pone, come scopo, quello di pianificare forme e modalità di partecipazione di Expo 2015 alle principali manifestazioni sportive nazionali ed internazionali e di prevedere a Milano e in tutta la Lombardia eventi di prestigio e di richiamo internazionale e sin da ora ringrazio la nostra struttura regionale, che sarà in prima linea nel sostenere le decine di progetti che coinvolgono non solo Milano ma tutto l’Hinterland nel segno di uno sport che sia sinonimo di integrazione ed inclusione sociale”.

“Sono consapevole, a tal proposito, di poter contare su un gruppo di lavoro affiatato, che coniuga al meglio passione e professionalità per il raggiungimento di traguardi che daranno lustro all’intero mondo paralimpico”.

“Ciò che ci proponiamo è sviluppare momenti formativi legati al tema dell’Esposizione per favorire un approccio innovativo verso lo sport inteso non solo come momento agonistico ma anche e soprattutto come stile di vita, focalizzando l’attenzione, in particolare, sull’età scolastica”.

“Ringrazio, pertanto, l’Amministratore Delegato Giuseppe Sala e l’intera Expo 2015 S.p.A. per averci dato la possibilità di affacciarci ad un palcoscenico tanto importante. Questo evento rappresenta una straordinaria vetrina per il mondo paralimpico che, in questa occasione, ha la possibilità di dimostrare i progressi compiuti in questi anni, sia in ambito sportivo sia sotto l’aspetto della comunicazione.

“Abbiamo iniziato questa avventura nel miglior modo possibile e sono certo che, alla fine, riusciremo a toglierci grandi soddisfazioni”.

 Luca Pancalli

Antonio Rossi - Assessore Sport e Politiche per i giovani
Cari Amici,

è un piacere affiancare il mio saluto istituzionale al progetto “Col CIP c’è sport … EXPOrt”.

Il tema affrontato è di vasta rilevanza e ho immediatamente colto, con particolare favore, i suoi molteplici aspetti culturali e sportivi, volti a sostenere una reale e sostanziale integrazione fra persone con abilità differenziate. Occuparsi di disabilità è attività di profilo estremamente alto, che meriterebbe un allargamento della base progettuale.

Credo sia doveroso e corretto sottolineare il grande lavoro che il Comitato Italiano Paralimpico e le sue organizzazioni territoriali svolgono quotidianamente, con fatica e passione, per sensibilizzare l’opinione pubblica su tali argomenti. Fortunatamente, grazie anche alla loro straordinaria azione, la cultura sportiva si sta evolvendo. In Italia, rispetto a trent’anni fa, abbiamo cambiato il nostro modo di pensare ma occorre lavorare ancora molto per arrivare al livello di certi paesi.

Chiunque può fare sport perché l’attività sportiva abbatte tutte le barriere e ognuno può riuscire a conquistare grandi vittorie! Solo in quest’ottica riusciremo ad accrescere la cultura sportiva e inizieremo ad apprezzare i gesti atletici per quello che sono realmente. Solo così abbatteremo le differenze e capiremo che non esistono sportivi diversamente abili o sportivi normodotati ma atleti che compiono un gesto atletico.

Giunga pertanto, a tutti coloro che sono occupati della realizzazione e finalizzazione di questo importantissimo progetto, il mio più sentito, sincero e caloroso ringraziamento per il lavoro in corso, a nome mio e di tutta l’Amministrazione regionale.

Antonio Rossi
Assessore allo Sport e Politiche per i giovani Regione Lombardia

I saluti in formato pdf

Pierangelo Santelli - Presidente del CIP Lombardia
Carissimi amici,

siamo alla vigilia di un evento mondiale, che potrebbe dare al nostro movimento il prestigio e il riconoscimento indispensabili per rilanciare un paese assopito e in grande difficoltà.

Noi paralimpici dobbiamo fare la nostra parte, per dare quel contributo fatto di azioni mirate e massima diffusione delle informazioni di carattere sportivo e scientifico, che possano diventare bagaglio indispensabile alla crescita di tutto il mondo paralimpico.

Dal 1960, anno delle prime Paralimpiadi di Roma, ad oggi sono stati fatti dei progressi allora impensabili. Siamo passati da un’attività ludico-terapeutica ad un movimento sportivo che ha portato tanti atleti al raggiungimento di grandi traguardi e a  risultati tecnici di grandissimo spessore.

Le nostre storie personali sono state segnate da momenti di grande sconforto e depressione, ma grazie allo sport hanno riacquistato fiducia e dignità, riuscendo talvolta a diventare dei veri e propri esempi di eccellenza sportiva e di vita.

E adesso? Affrontiamo questa affascinante avventura chiamata “EXPO 2015” con entusiasmo, abnegazione e tanta voglia di esserci.

Con la certezza che saremo in tanti…mando un affettuoso abbraccio a tutti.

 Il Presidente CRL CIP
Pierangelo Santelli

firmaSantelli